Edilizia green, in Italia altri 250mila posti di lavoro

L’edilizia sostenibile non è soltanto una scelta etica verso l’ambiente, ma rappresenta anche una notevole opportunità occupazionale. Secondo uno studio realizzato da Schneider Electric e Boston University, l’Europa e gli Stati Uniti insieme avranno bisogno di oltre due milioni di lavoratori nel settore dell’edilizia green entro il 2050, per rispondere alla crescente domanda di edifici a basso impatto ambientale. L’Italia, parte integrante di questa rivoluzione può aspettarsi più di 250.000 nuovi posti di lavoro.

Una rivoluzione edile

Il percorso verso la decarbonizzazione è un viaggio che può apportare benefici considerevoli, non solo per l’ambiente ma anche in termini socio-economici. La transizione verso edifici con zero emissioni permette infatti una crescita occupazionale notevole. La ricerca ha previsto un orizzonte temporale lungimirante, mirando al 2050 per permettere la completa ristrutturazione degli edifici esistenti in chiave sostenibile. Vincent Petit, a capo del Sustainability Research Institute di Schneider Electric, ha dichiarato che oltre alla fattibilità tecnica, è importante prendere coscienza dei vantaggi socioeconomici che questo tipo di transizione può generare, in primis i posti di lavoro. Ma la sfida della sostenibilità ambientale nel settore edilizio non riguarda esclusivamente l’Italia. Paesi come Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Olanda mostrano numeri significativi di nuovi posti di lavoro previsti, mentre negli Stati Uniti le proiezioni sono ancora più ottimistiche, con oltre 640.000 posti di lavoro attesi.

La riscoperta dell’artigianato

Il provvedimento “Casa green” dell’Unione Europea si inserisce in questo contesto, mirando a rendere gli edifici residenziali energeticamente efficienti e a emissioni zero entro il 2050. L’efficientamento energetico passa inevitabilmente attraverso l’adozione di nuove tecnologie e materiali, richiedendo nuove competenze professionali. Il BIM (Building Information Modeling) è solo un esempio del bisogno d’innovazione nel settore. Ciononostante, la mancanza di personale qualificato rimane un problema significativo, con una percentuale alta di posizioni tecniche specializzate difficili da colmare.

Rigenerazione Urbana e Nuove Costruzioni

La transizione green nel settore delle costruzioni non si limita alla sola edilizia residenziale. La rigenerazione urbana, la realizzazione di nuovi edifici pubblici e privati secondo i criteri di sostenibilità, la creazione di infrastrutture verdi e l’implementazione di nuovi standard di costruzione sono altrettanto fondamentali.