Infortuni sul lavoro: i dati dell’INAIL e l’importanza della formazione

Il 2023 segna un punto di svolta nella sicurezza sul lavoro in Italia, con una significativa diminuzione degli infortuni rispetto all’anno precedente. Un report recente elaborato dall’INAIL mette in luce le variazioni nel numero di incidenti, sottolineando il forte impatto della pandemia di Covid-19 sulle statistiche degli anni precedenti. Mentre si osserva una generale riduzione degli infortuni, vengono anche esaminate le tendenze per genere, tipologia e regione, offrendo una panoramica dettagliata e attuale sul benessere dei lavoratori in Italia. Nel mese che celebra la giornata internazionale della Sicurezza sul Lavoro, il tema diventa ancora più importante all’interno dei corsi di formazione: Mastri 4.0, la scuola dei mestieri creata da Impredo, considera il tema della sicurezza sul lavoro uno dei punti fondamentali della didattica per la formazione dei nuovi mastri di cantiere.

I dati del 2023 rappresentano un importante indicatore del progresso nella sicurezza e nella prevenzione degli infortuni sul lavoro in Italia. Tuttavia, il persistere di un numero significativo di incidenti, come avvenuto già all’inizio dell’anno in corso, incluso un aumento degli infortuni in itinere, e l’incremento delle malattie professionali evidenziano la necessità di continue azioni di miglioramento. Nei corsi di formazione promossi da Masti 4.0, dove si formano i “mastri del futuro” per l’edilizia, l’obiettivo non è solo formare da un punto di vista tecnico-pratico ma rendere consapevole l’alunno dei rischi del cantiere e lavorare sulla sicurezza; perché l’obiettivo comune rimane quello di ridurre ulteriormente gli infortuni e le malattie professionali, lavorando insieme verso una cultura della sicurezza sempre più radicata.

 Fonte: REPORT INAIL